Smart Glance© – Sistema di Pittogrammi per la Videosorveglianza

Un sistema votato a portare ai massimi livelli il Principio della Trasparenza del GDPR.

Home » Blog News » Smart Glance© – Sistema di Pittogrammi per la Videosorveglianza
Smart Glance System

Smart Glance è il sistema di pittogrammi per la segnaletica di videosorveglianza che ho personalmente ideato e sviluppato a partire dal 2018, con l’entrata in operatività del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, UE n. 2016/679 e comunemente denominato come GDPR.

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Un sistema votato a portare ai massimi livelli il Principio della Trasparenza del Regolamento europeo (principio che prevede che le informazioni destinate al pubblico siano facilmente accessibili e di facile comprensione) e quello dell’Immediatezza.

Smart Glance rende palese a prima occhiata la natura della videosorveglianza (se in real time, registrata o collegata alle forze dell’ordine) e la durata dell’eventuale conservazione dei dati.

In breve tempo, Smart Glance è stato adottato da numerosi enti pubblici e privati su tutto il territorio nazionale (e non solo).

Con la pubblicazione delle nuove “Linee guida sul trattamento dei dati attraverso l’uso di dispositivi video” n.3/2019 del Comitato Europeo per la Protezione dei Dati, le regole sono cambiate e i cartelli di videosorveglianza precedenti a Gennaio 2020 sono diventati di fatto obsoleti.

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Un interessantissimo intervento sulle linee guida 3/2019 pubblicato dall’Avvocato Alessandro Del Ninno.

Per l’occasione, ho quindi realizzato i nuovi modelli di cartelli per la videosorveglianza che puoi trovare all’indirizzo:
https://cartellivideosorveglianza.com/

Nuovo Cartello Area Videosorvegliata GDPR
Cartelli di Videosorveglianza aggiornati alle disposizioni GDPR e alle linee guida emanate dalla Commissione Europea nel 2020.

Il nuovo cartello di Area Videosorvegliata in azione

Ecco un esempio di nuovo cartello di Area Videosorvegliata compilato:

Esempio nuovo Avviso Videosorveglianza
Esempio di cartello compilato.

I contenuti sezione per sezione:

Cartello Area Videosorvegliata
  1. Sezione integrata con i pittogrammi Smart Glance© che risponde all’esigenza di informare, già a colpo d’occhio, della presenza di un sistema di videosorveglianza nelle immediate vicinanze.
    Le icone distinguono tra videosorveglianza real time, videosorveglianza registrata e impianto collegato con le forze dell’ordine. Viene indicato anche il tempo di conservazione delle immagini.
  2. In quest’area identifichiamo il Titolare del trattamento e forniamo i dettagli di contatto, compresi quelli del DPO (se presente). L’intestazione sottolinea se il trattamento consista nel solo monitoraggio real time (Rilevazione) oppure nella registrazione delle immagini (Registrazione).
  3. Informazioni relative a quegli aspetti del trattamento che hanno il maggiore impatto sull’interessato. Ad esempio: quali sono i tempi di conservazione delle immagini, se ci siano eventuali trasferimenti a terzi dei dati o se sia prevista la loro pubblicazione. Inoltre specifichiamo le finalità del trattamento e, nel caso, anche le basi giuridiche.
  4. Informiamo l’interessato dell’esistenza dei suoi diritti e lo mettiamo al corrente dell’esistenza di una informativa più dettagliata che è messa a sua disposizione per approfondimenti.
  5. Area dedicata alle indicazioni utili a prendere visione dell’informativa di secondo livello (informativa estesa). Si può invitare l’interessato a prenderne visione presso la reception o la sala d’attesa (per esempio). Le Linee Guida europee consigliano caldamente di rendere disponibile l’informativa anche in formato digitale, online, e di semplificarne la fruizione tramite un codice QR.

I pittogrammi Smart Glance© per la Videosorveglianza

I pittogrammi sono illustrati a seguire ed hanno la funzione di:

  • rendere immediato il riconoscimento della modalità di videosorveglianza, nello specifico se questa sia in Real Time, se sia Registrata, se sia collegata alle Forze dell’Ordine.
  • indicare i tempi di conservazione delle immagini.
  • in assenza di codice QR, indicare la disponibilità della Informativa Estesa presso i locali dell’esercizio.

Per approfondire:

Condividi l'articolo su...